Mancata precedenza. Chi ha ragione?

mancata-precedenza

Le principali cause di sinistri stradali in Italia, secondo uno studio Istat, sono la mancata precedenza, la guida distratta e la velocità elevata. Nonostante l’impegno degli utlimi anni di migliorare la circolazione stradale, adottando sempre più le rotonde piuttosto che gli incroci, i numeri continuano ad essere troppo alti: insieme, rappresentano il 41,5% tra le cause di incidenti.

Sono molte le domande che ci si pone dopo questo genere di incidente, ma quella che lascia sempre un po’ più il dubbio è: Chi ha ragione?

Bè, non sempre è così ovvio. Sono numerosi i fattori da valutare, di caso in caso, e in prossimità di incroci le circostanze possono essere diverse, ma proviamo a fare un riassunto delle casistiche principali per aiutarci a determinare la responsabilità.

I sinistri in incroci regolati da segnali luminosi

Quante volte hai sentito casi in cui, nonostante il conducente attraversasse l’incrocio con semaforo verde, la colpa è stata suddivisa in parti uguali a tutti e due i veicoli coinvolti?

Può succedere, perché la regola base è quella che i conducenti debbano sempre seguire una condotta diligente ed agire con la massima prudenza. Così, nel caso di questo genere di sinistri, la colpa viene attribuita in parti uguali, e poi saranno i conducenti a dimostrare di avere la completa ragione.

Un esempio

Una situazione comune è quello del veicolo Pippo che attraversa l’incrocio con luce semaforica verde e viene colpito dal veicolo Pluto, che si presuppone abbia la luce rossa. Per fortuna, nessun danno grave e i due conducenti si apprestano a compilare il modulo di constatazione amichevole (C.A.I. o C.I.D.), ma non trovano l’accordo perché Pluto è sicuro, che anche lui passasse con il verde.

In questo caso è inutile abbaiarsi addosso perché la legge attribuisce la colpa a tutti e due i conducenti in quanto non hanno rispettato le regole di massima prudenza.

Soluzioni:

  • Pluto, improvvisamente si rende conto di essere passato con il rosso. In questo caso, dichiarerà nel modulo, nelle osservazioni, di avere torto, in quanto attraversava l’incrocio con luce rossa e barrerà la casella di barème numero 17.
  • Pippo, nota al ciglio della strada dei ragazzi che ricorda di aver visto mentre era fermo al semaforo in attesa del verde, e chiede loro se ricordano con quale luce era partito. Rispondono che era verde e si rendono disponibili a testimoniare. A questo punto, occorre indicare le generalità dei testimoni sul modulo CAI e prendere ciascuno una propria copia del modulo anche se non è stata sottoscritta da entrambe le parti.

 

 

 

I sinistri in incroci regolati da segnali di stop o dare precdenza

Un’altra situazione è quando il sinistro avviene in un incrocio regolato da segnaletica verticale e orizzontale, con stop oppure segnale di dare precedenza.

Secondo la legge, come nel caso precedente, la colpa è suddivisa in parti uguali ai coinvolti, perché la regola principale è sempre quella che bisogna usare la massima prudenza, per poi attribuire la colpa totale al conducente che ha violato la segnaletica, a meno che, non riesca dimostrare che per lui è stato impossibile non evitare l’urto. Come?

Può dimostrare che il conducente attraversava l’incrocio a velocità sostenuta e in questo caso verrà scalata una parte di colpa.

Oppure può dimostrare che è stato impossibile vedere il sopraggiungere dell’altro veicolo, magari perché l’incrocio ha una visibilità molto limitata.

 

Gli incroci sono pericolosi, sempre. Quindi è giusto il principio di utilizzare la massima prudenza, indipendentemente dal tipo di segnale stradale che ci si trova davanti.

 

Sei stato coinvolto in un incidente per mancata precedenza?

Contatta lo Studio Maria Costa per una consulenza gratuita.

Ti aiuteremo ad ottenere il giusto risarcimento.

1
Contattaci subito per avere una consulenza in diretta
Powered by